30 novembre 2011

ENI part. 2


Ricevuta pochi minuti fa una telefonata da una gentile operatrice che si è preoccupata di leggere i molteplici fax che ho mandato, per spiegare il problema e cercare di risolverlo.
Allora, da quanto ho capito, non ci sarà multa (ma non ne sono sicuro eh!), ci sarà, però, una gestione particolare della "rateizzazione" del pagamento del "dovuto" (800 e rotti euro), ovvero, persisterà l' errore di intestazione, quindi io dovrò pagare, a rate, una cifra di mia competenza, ma intestata a qualcun altro (il vecchio proprietario del vecchio appartamento).

Tutto questo, ovviamente, mi metterà nelle condizioni di non poter scaricare le bollette dalle mie tasse.

Ma la cosa veramente buffa qual'è? Mi è stato spiegato che la decisione di lasciare o meno la vecchia intestazione sbagliata, è A DISCREZIONE di "chi deve decidere" (non mi è stato detto di che persona si tratta), insomma, c'è uno, da qualche parte, che dovrà decidere se correggere o meno le intestazioni delle mie vecchie bollette, e di conseguenza decidere se io posso o meno scaricare la cifra dalle mie tasse.

Allucinante, direi, no?

6 commenti:

  1. viva l'italia.(volutamente i piccola).
    hai contattato un operatore diverso?
    sconsiglio, per esperienza spiacevole, enelgas. ma scommetto che non sono tutti così.

    RispondiElimina
  2. consiglio di insistere sul fatto della correzione dell'intestazione, (anche perché hai il diritto di scaricare la TUA bolletta dalle tasse) dato che è routine il fatto che se ne uno, con enti o privati, non diventa seccante ed insistente su una cosa questa cade nel dimenticatoio fin da subito.

    RispondiElimina
  3. talmente demenziale che non saprei come commentare.

    RispondiElimina
  4. Io sono sconvolto e non pensavo di potermi ancora scandalizzare. Concordo anch'io di provare a rivolgersi a un'associazione consumatori... ma non ti è venuta voglia di cacargli in testa a questi (tossico)dipendenti dell'Eni?

    RispondiElimina
  5. Assolutamente ti devi rivolgere all'associazione consumatori! Ti mettono a disposizione un avvocato, e puoi tu muoverti contro l'Eni. Intanto perché se il pagamento risulta soluto da parte di un altro intestatario, come farai a dimostrare in futuro (qualora venissero a chiederti nuovamente di pagare un anno di gas) che l'hai pagato tu?! Di sicuro il fatto che hai dei bollettini intestati ad un altro non dimostra nulla! Al massimo, gli puoi fare una bella raccomandata con ricevuta di ritorno (mi raccomando Raccomandata con la ricevuta di ritorno, non prioritaria) dove attesti di aver pagato le bollette e gli ne alleghi la fotocopia, e questo ha valore giuridico.
    L'Eni oramai vive di raggiri, non è assolutamente affidabile, appena risolvi la questione ti conviene cambiare operatore!

    RispondiElimina
  6. Francesco De Cristofaro1 dicembre 2011 11:22

    è talmente surreale che ci potrebbe fare un fumetto seriale ;-)

    RispondiElimina